Oncologia

La denutrizione ha una prevalenza molto elevata nei pazienti affetti da cancro: il 15-40% dei tumori è associato a denutrizione al momento della diagnosi e più dell’80% nelle fasi avanzate della malattia.

Sono molti i fattori che influenzano lo stato di nutrizione dei pazienti oncologici: si verifica una diminuzione dei consumi, un aumento delle esigenze e una maggiore perdita di nutrienti.

Il tumore rilascia sostanze che aumentano l’infiammazione e causano perdita di appetito. L’anoressia è un possibile effetto collaterale del trattamento. Un altro sintomo frequente che può contribuire al peggioramento dello stato di nutrizione del paziente è la disfagia, dovuta alla posizione del tumore (tumori della testa e del collo o dell’esofago) e secondaria alla mucosite causata dal trattamento, in seguito all’intervento chirurgico, ecc. L’insieme dei fattori si traduce generalmente in una importante perdita di peso e in denutrizione, con conseguente peggioramento della prognosi, minor possibilità di sopravvivenza e risposta al trattamento.

Per i motivi elencati, garantire una corretta nutrizione è fondamentale nel paziente oncologico, così come assicurare un buono stato di nutrizione risulta una parte importante del trattamento.

Nei pazienti affetti da cancro, l’aumentato fabbisogno di calorie e proteine può portare all’insorgenza di ipercatabolismo.

“Ai sensi dell’art. 15 della legge spagnola sulle garanzie e l’uso razionale dei medicinali e prodotti sanitari, le seguenti informazioni sono rivolte a un pubblico di professionisti del settore sanitario che esercitano in Spagna e sono soggetti alla legge spagnola.”
“ADVENTIA non si ritiene responsabile dell’eventuale uso illegale, indebito o della manipolazione dei contenuti e delle informazioni di questa pagina. L’accesso e l’utilizzo di informazioni e contenuti del presente sito saranno di esclusiva responsabilità dell’utente.”